Casa Cifali

  • Massimo

Amore bugie, e demoni in Taormina

Aggiornamento: 28 mar


Quando ero piccolo amavo ascoltare le storie che la mia bisnonna Nicola mi raccontava, lei era nata nel 1885. Aveva visto molte cose e sentito tante storie. Sopravvissuta alle due grandi guerre, alla peste del fine ottocento, alla carestia. Donna forte e di carattere, faceva la Chef durante la guerra, cercando di sfamare come poteva la famiglia. Lei mi raccontava parecchie storie, ma quella che mi colpi di più fu quella ormai dimenticata di Fra Martino. La storia narrata nei tempi parlava di un gentiluomo Taorminese sposato con una donna di cui disconosco i nomi, dal loro amore nacque una figlia, a cui dietro il nome di Martina. In età ancora giovane la bimba perse la madre, e per i primi anni venne cresciuta dal padre, ma sfortunatamente dopo qualche anno anche il padre si ammalo. Prima di morire doveva decidere a chi affidarla. Non avendo parenti vicini a lui, e con il malessere in cui la città di Taormina versava, non voleva affidarla ad una famiglia a lui vicino, per non gravare sulle loro condizione economica. Però conosceva un frate del convento del San Domenico, il qual le fece il favore in gran segreto di custodire la piccola. Da li a breve il padre di martina morì. Alla bambina venne cambiato il nome da Martina a Fra Martino. Gli anni passano, e la bambina cresce, con qualche difficolta nel nascondere la sua femminilità, all’interno un altro frate si accorge di lei, da qui nasce un amore segreto fra i due. Un giorno Martina rimane in cinta, i primi mesi era facile da gestire ma quando raggiunse il 7 mese, i frati si insospettirono, sottoponendo Martina a visita corporale, scoprendo non solo che era una donna ma che stava aspettando anche un figlio. All’interno del convento si grido allo scandalo, e per evitare che la notizia uscisse al di fuori delle mura, divulgarono la notizia che essa era stata posseduta dal diavolo. Cosi la confraternita la confino in una grotta che oggi fa parte dell’Ariston di Taormina, all’epoca anche li vi era un convento. Qui vi rimase per ben due mesi al freddo di tanto in tanto qualche frate le portava del pane e dell’acqua. Immaginate quali pene questa povera donna avrà sofferto. Il frate che si era innamorata di lei spesso e di nascosto le faceva visita, cercando incoraggiarla e portando anche lui cibo. Però la donna diventava debole man mano che la gravidanza aveva il suo decorso. Da lei nacque un bimbo. Dopo la sua nascita venne riportata al San Domenico, ormai in fin di vita adagiata su un letto, non aveva più neppure la forza per parlare, cosi durante la notte mori, i frati divulgarono la notizia che il suo corpo lievitava sul letto perché la sua anima era libera dal demone che l’aveva posseduta, e che ora poteva riposare in pace. fù sepolta nello stesso San Domenico in una cripta. Del bimbo nato non se ne seppe più nulla scomparso, c’è chi dice che venne donato ad un orfanotrofio, chi, che mori qualche giorno dopo il parto. A noi piace credere che lui sia stato adottato da una famigli che gli ha voluto bene, come se ne deve avere ad una creatura indifesa e sola.


#Legend

37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti